CEBUS

Ammissibilità giuridica della pubblicità nelle e-mail di servizio

CEBUS

Le e-mail commerciali sono uno strumento di marketing molto economico, sottoposto però a rigide norme e condizioni giuridiche. In linea di massima la pubblicità via e-mail è permessa, per esempio, solo quando il destinatario ha concesso espressamente all’impresa la specifica autorizzazione prima di ricevere e-mail commerciali. Com’è la situazione dal punto di vista giuridico se anche nelle e-mail di servizio compare la pubblicità?


L’e-mail marketing consentito solo con l’autorizzazione del destinatario

Le e-mail promozionali sono lecite solo quando l’impresa pubblicitaria dispone dell’autorizzazione esplicita del destinatario. A questo proposito non fa differenza se il destinatario in questione sia un privato o un’impresa.
L’e-mail marketing consentito solo con l’autorizzazione del destinatario
Questo consenso assicura che i destinatari non vengano molestati in maniera massiccia e irragionevole a causa di e-mail commerciali indesiderate. Quando si tratta solo di cancellare, i clienti devono occuparsi di ogni e-mail. Se manca questo consenso del destinatario, le e-mail commerciali possono essere inviate ai clienti abituali solo alle condizioni stabilite dal paragrafo 7 numero 3 1-4 della legge tedesca contro la concorrenza sleale (UWG). Fare marketing con notifiche di invio, conferme d’ordine o altre e-mail di servizio non è sempre consentito.

Queste e-mail di servizio vengono utilizzate prevalentemente nell’e-commerce. Di regola si tratta di e-mail generate automaticamente, la cui esecuzione e invio vengono avviati tramite una specifica operazione del cliente. Generalmente si tratta dell’invio delle seguenti e-mail:

Conferme d’acquisto
Conferme d’ordine
Fatture
Notifiche di invio

Le e-mail di servizio hanno tutte qualcosa in comune: un alto tasso di apertura sino all’80 per cento, cosa che le rende tanto interessanti agli operatori di mercato, poiché il cliente si occupa di queste e-mail di servizio. Ciò è particolarmente evidente nel caso di una fattura, la quale avvia un’ulteriore transazione da parte del cliente sotto forma di un pagamento.

Utilizzare le e-mail di servizio per l’up selling e il cross selling

Gli esperti di marketing utilizzano spesso le e-mail di servizio per informare i clienti riguardo nuove offerte e prodotti – il cosiddetto cross-selling. Essi vorrebbero utilizzare il vantaggio del cross selling per sé, per il fatto che generalmente i clienti sono di ottimo umore dopo un acquisto e si aprono di regola anche per ulteriori prodotti.

Lo stesso vale anche per prodotti più costosi e di alta qualità -.l’up selling. Anche questi prodotti sono utili in una e-mail di transazione, per stimolare i clienti in modo mirato all’acquisto. Tuttavia bisogna rivolgere l’attenzione anche all’aspetto giuridico. Sono tali e-mail commerciali generalmente consentite, dato che possono contenere pubblicità solo se il destinatario ha acconsentito espressamente al ricevimento di pubblicità via e-mail?

La pubblicità nelle e-mail di transazione non può essere in primo piano

Per le e-mail di servizio non vale il consenso, poiché nel destinatario non esiste alcun onere inesigibile e che lui deve comunque occuparsi di queste e-mail. Non ha importanza se l’e-mail di servizio contiene o no messaggi promozionali. Se l’e-mail di transazione è in primo piano e se la pubblicità funge solo da accompagnamento a questo scritto, di regola non si tratta in questo caso di molestia inammissibile, poiché l’effettiva ragione dell’e-mail si può identificare senza alcun dubbio e la pubblicità passa in secondo piano.

Se esiste già ad esempio un rapporto commerciale col cliente, allora le e-mail commerciali sono lecite anche senza un precedente consenso del destinatario. Per casi del genere il legislatore ha tuttavia stabilito severi obblighi nella legge contro la concorrenza sleale:

- Il cliente ha lasciato il suo indirizzo e-mail in relazione con l’acquisto di un prodotto o di un servizio.
- Questo indirizzo e-mail viene utilizzato anche per la promozione dei propri prodotti/servizi o per la propria pubblicità diretta.
- Non è avvenuta alcuna contestazione dell’utilizzo dell’indirizzo e-mail.
- Nell’analisi dell’indirizzo e-mail così come di ogni utilizzo, il cliente è già stato informato in modo chiaro ed evidente di una sempre possibile contestazione di un utilizzo.

Conclusione: Prestando attenzione ai punti sopra menzionati, le imprese possono inviare le loro e-mail commerciali senza il consenso esplicito del cliente, a condizione che la pubblicità si attenga al contesto. Non si commette in questo caso alcun’infrazione alle regole di concorrenza.

Frank Große

Vi é piaciuta questa pagina?

Potreste anche essere interessati a:

Emails: Kommunikations- oder Werbekanal?

Pubblicitá per eMail & Newsletter

Come diventare millionari con un Euro in 10 minuti con Email Marketing

Una mail pubblicitaria ci mette un bel po" prima di centrare il suo obiettivo. E", quindi, inutile spedire 50.000 Email mandando così in tilt anche l"antispam. Una mail con presunte parole pubblicitarie sarà subito bloccata dal provider. In fin dei conti, basta una frazione di secondo per capire che si tratta di spam. Tuttavia, è necessario premettere che nonostante non sia stato il Suo programma ad eliminare l"Email automaticamente, si tratta comunque di una guerra. Vai all'articolo…


Di cosa tengono conto le imprese nel 2015 nella comunicazione via e-mail nelle transazioni commerciali?

Pubblicitá per eMail & Newsletter

Uso e tendenze nella comunicazione via e-mail delle imprese tedesche

Analisi delle attuali statistiche di utilizzo dall’anno 2015 nel settore “comunicazione via e-mail” all’interno delle imprese tedesche. Indicazioni sui deficit e sulle tendenze attuali nelle e-mail commerciali. Utile lista di controllo con 6 consigli per un miglioramento dell’efficienza della comunicazione via e-mail nel contesto B2B. Vai all'articolo…


Come sfruttare tutti i vantaggi di un canale a valore verso i Clienti

Pubblicitá per eMail & Newsletter

Come sfruttare al meglio l’email marketing, consigli pratici

In generale, l’email marketing può essere utilizzato, oltre che per acquisire nuovi potenziali Clienti, anche per fidelizzare quelli già acquisiti, informandoli sulle nuove iniziative aziendali quali il lancio di nuovi prodotti e incoraggiando nuovi acquisti. Sulla base di una strategia che l’azienda intende perseguire, è possibile definire quindi l’obiettivo della campagna e le relative azioni. Vai all'articolo…


© 1982-2015 CEBUS® AG - All rights reserved. CEBUS® e´un marchio registrato. Siamo addetti ai piú alti standard di qualitá e garanzia.