CEBUS

L’importanza dell’oggetto e dei titoli nell’invio delle newsletter

CEBUS

La struttura dell’e-mail è determinante per il successo della campagna promozionale. Minimi cambiamenti nella struttura portano a differenze misurabili. Una newsletter non deve presentare bellissime immagini bensì, cosa molto più importante, un’adeguata scelta delle parole. Un buon titolo e in particolare un oggetto ottimale sono decisivi per il successo


Consigli per la progettazione visiva delle newsletter

I nostri clienti dimenticano sempre di indicarci l’oggetto e il titolo.- credendo che queste due indicazioni non fossero così importanti. La scelta delle parole nell’oggetto è però decisiva, ad esempio per il tasso d’apertura della newsletter. Nell’e-mail stessa le intestazioni hanno un’importanza altrettanto elevata, poiché formano importanti punti di riferimento per il percorso visivo del lettore e, oltre a ciò, aprono la porta a altre aree di contenuto, dalle quali si determina se il cliente ha interesse nel continuare la lettura o nel cliccare.
Consigli per la progettazione visiva delle newsletter
L’apertura di un’e-mail o di una newsletter dipende in maniera decisiva, oltre all’indirizzo del mittente, anche dall’oggetto, che risulta determinante per l’apertura della mail.

Lista di controllo per la scelta ottimale dell’oggetto

- Un buon oggetto incuriosisce il lettore. – da usare rafforzatori come: “verificare” o “confrontare”.
- Tener presente che i client di posta elettronica rappresentano solo un numero limitato di caratteri - il numero ideale di caratteri va da 50 a 60.
- Formare un oggetto che inviti a dare una scorsa ai contenuti annunciati nell’anteprima.
- Creare un oggetto breve e conciso ma che però desti attenzione.
- Utilizzare parole chiave sin dall’inizio – in teoria chiariscono la proposta di valore e non essere più lunghe di 30 caratteri.

Anche i titoli assumono particolare importanza, poiché sono funzionali al riconoscimento. Un titolo vive del logo del mittente, di una intestazione ben strutturata e di un pulsante “call to action”. I mittenti di newsletter dovrebbero prestare attenzione ai seguenti aspetti nella formulazione delle intestazioni.

Lista di controllo formulazione delle intestazioni

- Integrare i titoli nella newsletter come testo HTML e non nasconderli nei grafici, poiché le immagini vengono eliminate dalla maggior parte dei programmi e-mail.
- Utilizzare sin dall’inizio termini emotivi, particolarmente importanti sono le prime due parole, che dovrebbero mobilitare il lettore.
- Utilizzare una lingua viva e un naturale ordine delle parole, particolarmente significativo l’uso di un verbo accattivante.
- Importanti non solo per il settore della carta stampata, ma anche per le newsletter, sono le lunghe e eloquenti intestazioni, che sono meglio di quelle corte e vuote, tuttavia la concisione è l’anima dell’intelligenza.
- Evitare la minima spaziatura delle lettere o intervalli troppo ampi, caratteri bianchi su sfondo nero, così come la costante capitalizzazione delle lettere e i segni esclamativi, poiché queste varianti di forma rendono difficile la leggibilità.

Una statistica afferma che oltre il 90 per cento delle e-mail inviate in tutto il mondo sono spam. Non c’è dunque da meravigliarsi se la maggior parte dei programmi e-mail dispongono di un filtro spam che protegge i destinatari dalle e-mail indesiderate. Attualmente i provider di posta elettronica scartano circa l’80 per cento delle e-mail promozionali. E persino nel restante 20 per cento il 15 per cento delle e-mail sono indesiderate.

Di questo ne risentono anche le newsletter serie. Tuttavia un paio di cose possono aiutare il filtro spam, dicendogli che si tratta di una newsletter a cui ci si è iscritti.

Lista di controllo aggirare il filtro spam

- Utilizzare, per l’invio dell’e-mail, un indirizzo IP di un server, che sia elencato nella lista dei mittenti certificati e registrati (Certified Senders Alliance CSA) delle e-mail legali.
- Provvedere a registrare il destinatario della newsletter nell’apposita rubrica.
- Eseguire un controllo della cartella spam prima dell’invio.
- Non utilizzare oggetti dell’e-mail troppo promozionali.
- Rimuovere i destinatari non validi dalla vostra rubrica.
- Utilizzare esclusivamente un codice HTML pulito.

A alcune parole chiave nell’oggetto dell’e-mail i filtri spam reagiscono immediatamente. Di seguito un paio di esempi del filtro junk mail di Microsoft:

Pubblicità
„!” combinato con „$”
„!” e „gratis”
$$
Superiore ai 18
Superiore ai 21
Adulti
Sesso

Frank Große

Vi é piaciuta questa pagina?

Potreste anche essere interessati a:

Come possono essere ottimizzate le campagne e-mail?

Pubblicitá per eMail & Newsletter

Vendite con campagna e-mail ottimizzata tramite lo split-test A/B

Applicazione concreta degli split-test A/B nel settore dell’e-mail marketing. Come funzionano gli split-test A/B nelle campagne e-mail e a cosa bisogna prestare attenzione. Guida utile per un e-mail marketing efficace e orientato verso l’utente. Vai all'articolo…


L’e-mail marketing consentito solo con l’autorizzazione del destinatario

Pubblicitá per eMail & Newsletter

Ammissibilità giuridica della pubblicità nelle e-mail di servizio

Per le questioni su come debba essere creato un e-mail marketing senza commettere errori evitabili, l’incertezza continua a essere un fattore dominante. Con questo contributo si analizzano gli aspetti normativi delle e-mail di servizio. Si considera in particolare se la pubblicità è consentita e permessa in che misura. Vai all'articolo…


Emails: Kommunikations- oder Werbekanal?

Pubblicitá per eMail & Newsletter

Come diventare millionari con un Euro in 10 minuti con Email Marketing

Una mail pubblicitaria ci mette un bel po" prima di centrare il suo obiettivo. E", quindi, inutile spedire 50.000 Email mandando così in tilt anche l"antispam. Una mail con presunte parole pubblicitarie sarà subito bloccata dal provider. In fin dei conti, basta una frazione di secondo per capire che si tratta di spam. Tuttavia, è necessario premettere che nonostante non sia stato il Suo programma ad eliminare l"Email automaticamente, si tratta comunque di una guerra. Vai all'articolo…


© 1982-2015 CEBUS® AG - All rights reserved. CEBUS® e´un marchio registrato. Siamo addetti ai piú alti standard di qualitá e garanzia.